Combattere la Cellulite

La Cellulite

La cellulite è un inestetismo molto diffuso che interessa il tessuto adiposo sottocutaneo. Nota anche come “pelle a buccia d’arancia” o più correttamente come pannicolopatia edematofibrosclerotica, si manifesta come un’alterazione della regolarità cutanea superficiale di alcuni distretti corporei.

La sua formazione è legata a diversi fattori tra cui: sedentarietà, alimentazione non equilibrata e ricca di sostanze predisponenti, accumulo di tessuto adiposo e tossine, cattiva circolazione e alterazioni ormonali.

La cellulite è un’alterazione del circolo sanguigno capillare, il quale – NON irrorando sufficientemente i pannicoli adiposi – si associa alla rottura delle cellule adipose che riversano il proprio contenuto negli spazi interstiziali. Le difficoltà circolatorie e il potere osmotico delle molecole riversate negli interstizi promuovono la ritenzione di grosse quantità d’acqua che esteticamente si manifesta con la tristemente famosa pelle a buccia d’arancia.

La cellulite può essere contrastata efficacemente con la giusta dieta e attività fisica.

La dieta anticellulite deve concentrarsi sull’eliminazione del tessuto adiposo in eccesso e sulla disintossicazione dell’organismo. Alcuni alimenti particolari associati a trattamenti estetici e all’attività fisica andranno invece a migliorare il microcircolo.

Alimenti Anti-Cellulite

  • Frutta e verdura ed in particolare quella ricca di acido ascorbico, una vitamina che protegge i capillari sanguigni. Gli alimenti più ricchi di questa sostanza, meglio conosciuta come vitamina C, sono: alcuni frutti freschi (quelli aciduli, agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie ecc.), alcune verdure fresche (lattuga, radicchio, spinaci, broccoletti ecc.), alcuni ortaggi freschi (broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori, peperoni) e patate (soprattutto se novelle).
  • Il mirtillo, il meliloto, la centella, il pungitopo e l’ippocastano sono i rimedi di derivazione fitoteapica con maggiore effetto protettivo sul microcircolo. Più in generale sono consigliati tutti quegli alimenti particolarmente ricchi di antiossidanti naturali e vitamina C (frutti di bosco, kiwi, agrumi, pompelmo rosa, broccoli, prugne e patate).
  • Carciofo, finocchio, indivia, cicoria, cetrioli, ananas, melone, anguria, pesche e fragole sono indicati per le loro proprietà diuretiche. Tutta questa frutta e verdura può essere consumata anche sotto forma di succhi, concentrati, tisane dimagranti e passati.
  • Tè, tè verde e caffè (non zuccherati), guaranà, mate, yohimbe, arancio amaro, fucus e garcinia Cambogia, grazie alla loro azione termogena facilitano il dimagrimento e, indirettamente la riduzione della cellulite. E’ comunque importante non fare troppo affidamento su questi rimedi dato che, oltre ad essere una goccia d’acqua in mezzo all’oceano, se assunti ad alte dosi possono affaticare inutilmente il fegato.

Consigli Alimentari

  • Un giorno alla settimana, specie se successivo ad una grande abbuffata domenicale, è consigliata una dieta disintossicante particolarmente ricca di liquidi (the, tisane, succhi di frutta) e vegetali. In questo giorno la carne andrà sostituita con il pesce, più digeribile perché meno ricco di tessuto connettivo. Durante queste 24 ore andranno aboliti anche i grassi ad eccezione dell’olio di oliva e degli oli di semi. Una bella sudata in palestra, magari accompagnata da una sauna o da un bagno turco rilassante, stimolerà ulteriormente l’eliminazione di tossine.
  • L’acqua deve diventare una fedele compagna e come tale va portata sempre con sé. Una corretta idratazione è infatti una delle soluzioni più semplici ed efficaci per combattere la cellulite. Bisogna pertanto sforzarsi di consumare almeno un paio di litri di acqua al giorno. In generale è buona regola aumentare le dosi quando il colore delle urine è troppo scuro e/o di cattivo odore (per esempio nel periodo estivo o più in genere quando si fa sport e si suda molto).
  • Alcune bevande alcoliche e non (come aranciate, bibite, cola, succhi di frutta, birra, caffè zuccherato, tè ecc.) oltre a fornire acqua apportano anche altre sostanze che contengono calorie (zuccheri, alcol) o che sono farmacologicamente attive (ad esempio caffeina). Queste bevande vanno quindi usate con moderazione. E’ invece consigliato l’utilizzo di acque oligominerali o minimamente mineralizzate.
  • Probabilmente all’inizio della dieta, specie se si è abituati a bere poco, l’aumentato introito idrico stimolerà la diuresi, un po’ come succede quando l’acqua scivola da un vaso di fiori rinsecchito ed annaffiato dopo un lungo tempo. Il problema può essere prevenuto bevendo frequentemente e a piccoli sorsi; in questo modo il corpo imparerà ad assorbire una maggiore quantità di acqua, proprio come succederebbe al terreno arido citato in precedenza.

Alimenti Sconsigliati

Il sale ed in particolare il sodio in esso contenuto sono alcuni tra i principali alleati della cellulite. Questo minerale è infatti uno dei tanti fattori in grado di aumentare la ritenzione idrica dell’organismo. In una donna che soffre di cellulite tale disturbo è già accentuato a causa dell’alterata funzionalità del sistema venoso e linfatico.

Per questo motivo è importante assumere con la dieta alimenti dalle proprietà diuretiche evitando quelli che, come il sale, favoriscono la ritenzione idrica.

Limitare l’apporto di sodio con gli alimenti è tutto sommato facile, basta adottare alcuni semplici accorgimenti:

  • non salare le pietanze
  • utilizzare poco sale durante la cottura (quando si prepara la pastasciutta abituarsi, per esempio, ad aggiungere il sale a cottura ormai terminata; in questo modo si riduce considerevolmente la quantità di sale assorbito dalla pasta)
  • limitare il consumo di cibi conservati sotto sale o trasformati (insaccati, formaggi, patatine ecc.)
  • limitare il consumo di cibi confezionati
  • esaltare la sapidità dei cibi con spezie, limone o aceto tradizionale (non balsamico)
  • consumare frutta in sostituzione degli snack salati come spuntino

Alimenti consigliati per assumere molto potassio e pochissimo sodio, favorendo così il drenaggio dei liquidi:

AlimentoPotassio (mg/100g)Sodio (mg/100g)
Funghi secchi
Albicocche
Fagioli bianchi
Piselli
Mandorle
Semi di girasole
Patate
Broccoli
Funghi freschi
Farina d’avena
Carne rossa
Tacchino
Riso
Mele
Cipolle
5370
1370
1300
930
835
725
411
373
367
360
340
333
150
44
135
32
11
3
26
20
2
3
14
3
5
51
46
10
3
9

N.b. bisogna comunque ricordare che il sodio è un minerale essenziale per l’organismo ed un’eccessiva carenza, anche se difficilmente realizzabile con la normale alimentazione, potrebbe avere effetti collaterali importanti (nausea, crampi muscolari, affaticamento, apatia mentale).

Altri alimenti sconsigliati

  • cibi affumicati, grigliati o fritti,
  • dolci
  • carni e formaggi grassi
  • carne conservata
  • superalcolici
  • pizza (soprattutto con i salumi o con i formaggi)
  • insaccati e carni conservate in genere.

Tutti questi cibi, ovviamente, non devono per forza scomparire del tutto dalla propria dieta ma essere consumati con attenta moderazione.

Talvolta nella dieta, così come nella vita, si rende necessaria una pausa rilassante, uno strappo alla regola in grado di regalare nuove energie sia fisiche che psichiche. Anche quando si combatte la cellulite possono capitare momenti simili, sopratutto durante il weekend. Per limitare i danni si consiglia di seguire una dieta purificante nelle ventiquattro ore successive come detto prima.

Attività fisica

Trascorrere molte ore in posizione eretta e immobile o seduta ostacola la circolazione dei glutei, uno dei distretti corporei più colpiti da cellulite. L’attività fisica assume da sola un ruolo equivalente se non addirittura superiore a tutti i consigli alimentari visti sino ad ora. Alcune attività motorie sono infatti in grado di ridurre la cellulite sia grazie ad una maggiore ossidazione di grassi a scopo energetico, sia grazie ad un miglioramento del microcircolo. Più in generale lo sport ha il grosso pregio di migliorare l’efficienza dell’intero organismo favorendo la microcircolazione a livello delle regioni muscolari impegnate.

Raccomando di svolgere attività cardiocircolatoria aerobica di lunga durata come gli allenamenti a circuito. I benefici di questi programmi di allenamento sono molteplici: un’attività fisica regolare (almeno 45 minuti al giorno) porta ad un miglioramento generale delle capacità cardiocircolatorie e respiratorie favorendo la circolazione periferica, la capillarizzazione e la resistenza.

In questo modo è possibile sconfiggere la cattiva circolazione che rappresenta il più grosso fattore di rischio per lo sviluppo della cellulite.

Per essere definita regolare l’attività fisica deve essere svolta per almeno tre giorni alla settimana.

Infine, può essere utile seguire un programma di tonificazione generale che preveda l’utilizzo di esercizi a carico naturale, di attrezzature isotoniche o pesi liberi a seconda dell’esperienza e delle preferenze del soggetto. Anche in questi casi è importante non esagerare, utilizzando carichi leggeri per un numero di ripetizioni che, sia pur elevato, non affatichi eccessivamente il muscolo.

Al termine della seduta lo stretching abbinato ad esercizi di controllo respiratorio eseguiti con le gambe in alto, favorisce il ritorno venoso e l’eliminazione delle tossine prodotte.

La dieta e l’attività fisica illustrate in questo post, insieme ai trattamenti cosmetici (prodotti a base di Fosfatildilcolina come ) e ad un generale miglioramento dello stile di vita, sono molto importanti per sconfiggere la cellulite e prevenirne la formazione.

Vista la gravità del problema è tuttavia importante utilizzare queste armi contemporaneamente. Solo in questo modo sarà possibile ottenere un netto miglioramento, non solo estetico, ma anche fisico e psicologico.

Sia in tema di dieta che di attività fisica, occorre procedere lentamente con gradualità. Procedere troppo rapidamente può infatti evidenziare ancor di più la cellulite.